Our Logo

““Forse siamo ancora in pochi nelle campagne, ma in tanti credono in una trasformazione, in una comprensione tra gli esseri umani. In questa giornata d'incontro, vogliamo dire che esistiamo, che ci siamo, che ci stiamo provando. Ancora in ordine sparso, sicuramente non coordinati, ma forse è arrivato il momento di raccoglierci e identificarsi. Il prossimo 9 luglio vorremo invitarvi a traghettare le nostre idee sull'ipotesi di una nuova rete di relazioni sociali all'interno di piccoli nuclei di ruralità, attraverso un potente metodo di comunicazione: la nostra parola.”
[Luglio 2017, volantino d’invito alla prima riunione della CRD]”

Nel 2017, un incontro d’estate ha dato l’avvio a una nuova fase di quella comunità che esisteva già nel quotidiano di ognuno di noi. Oggi, ancora, Comunità Rurale Diffusa vuol dire semplicemente che in questo ampio territorio di confine tra Lazio, Umbria e Toscana vivono persone che sono parte di una rete di contatti e relazioni la cui trama nasce da bisogni diversi: socialità, rapporti di fiducia, legame con la Terra, difesa del territorio, educazione, disponibilità di cibo sano. Buona vita, insomma.

Un percorso nato e cresciuto dal confronto, cercando di superare ognuno il proprio individualismo, per darci sostegno e coraggio in un’epoca che corre a velocità distanti dai nostri battiti quotidiani, volutamente vicini a quelli della natura. Siamo donne e uomini che provano a tirare fuori dall’esistenza il meglio che credono possibile; quel meglio che oggi troppo spesso è definito alternativa, è la base su cui vogliamo costruire il nostro tempo. Sospesi tra il passato di una ruralità condivisa, che rappresenta la nostra aspirazione, e questo presente in cui è indispensabile che sia diffusa consapevolezza, navighiamo a vista tenendo insieme il vento in poppa, impegnandoci per far sì che oggi sia una buona giornata e che domani ci sia la stessa possibilità. Per tutti.

  • 338 617 3917
  • comunitaruralediffusa@gmail.com

Vogliamo costruire qualcosa
che si possa abbracciare.
Montesegnale, 31 maggio 2019
Garanzia partecipata
#ComunitàRuraleDiffusa
Se questa comunità è un'isola,
allora ha confini liquidi.
Roma, 20 ottobre 2019
Incontro nazionale
#GenuinoClandestino

#NoMonocolture

Il centro Italia è minacciato dalla diffusione spregiudicata della coltivazione intensiva di nocciole, favorita dagli investimenti di alcune multinazionali e da politiche poco lungimiranti. Non sono i noccioli a preoccupare, ma l’impatto che questa monocoltura può avere sulla salute delle persone e dell’ambiente, soprattutto per via dei trattamenti fitosanitari (pesticidi, erbicidi, etc.) che necessita per produrre abbondanti frutti dal formato standardizzato. Di fronte a questa minaccia si è messa in moto una rete di resistenza fondata su principi di sostenibilità e buone pratiche, con l’obiettivo di dare vita a iniziative, raccogliere fondi per ricorsi giudiziari e presentare alternative valide e sostenibili, sia dal punto ambientale che economico.

#SaveTheAlfina

L’altopiano dell’Alfina è una delle zone in cui sono stati messi a dimora alcuni dei più vasti impianti intensivi di noccioli. Qui l’uso massiccio di fitofarmaci potrebbe compromettere la fonte del Tione e la falda acquifera che riforniscono il vasto comprensorio dell’orvietano. Il paesaggio deturpato rappresenta dolore e preoccupazione quotidiani per chi lo abita e per tutti noi è il simbolo del futuro agricolo, sociale ed economico che non vogliamo.

#OmeliaContadina

Omelia Contadina è un'azione cinematografica con cui la regista Alice Rohrwacher e l’artista JR vogliono sostenere la lotta di piccoli agricoltori e cittadini dell'Altopiano dell’Alfina.

#LaGeotermiaNonÈlaNostraVia

La realizzazione di impianti geotermici intorno al Lago di Bolsena desta forti preoccupazioni per il fondato rischio che gli impianti possano innescare terremoti, inquinare seriamente le acque delle falde potabili, così come il lago stesso, e generare problemi di emissioni velenose. Produrre energia al giorno d'oggi non può essere una condanna per le persone che abitano un territorio e invece profitto per chi, da lontano, lo mette a repentaglio speculando sull’eccessivo fabbisogno di energia del Paese. Produrre energia deve essere sempre una scelta sostenibile e democratica che rispetti il volere delle persone e la loro salute.

Difendiamo la resilienza del territorio per un futuro di pace.
Altopiano dell'Alfina,
26 luglio 2020
Flash-mob noccioleti
#NoMonoculture #SaveTheAlfina

CONTATTACI

SEGUICI SU FACEBOOK

   

iscriviti per ricevere la nostra newsletter

Leggi le nostre precedenti comunicazioni